Accesso al sito :              | 

30 anni di Grandangolo

Da oltre 30 anni Il Grandangolo è il punto di riferimento per tutti coloro che amano o si avvicinano alla fotografia a Parma. Il Circolo svolge attività di promozione della cultura fotografica, con particolare attenzione alla stampa analogica e alle antiche tecniche di stampa.
Tenetevi aggiornati registrandovi al sito per ricevere settimanalmente la nostra mailing list.

traccepoAleTRACCE del Po al km 432
Fotografie di Alessandro Marchi

Tecniche Fotografiche a confronto

Mostra fotografica di beneficenza per l'alluvione di dicembre

La Bottega del Tempo Libero in Viale Umberto I, 23, 42022 Boretto RE

Inaugurazione 5 febbraio 2018 ore 21
fino al 5 marzo 2018 - ore 14-19 (lunedì escluso) - 21-23


   

Chi non è di Boretto potrebbe trovare questo titolo un poco misterioso, ma Boretto (ed i suoi vecchi e nuovi cantieri fluviali, i suoi musei) si trovano esattamente al kilometro 432 dalla sorgente sul Monviso del grande fiume.

A Boretto la tradizione di costruzione, manutenzione di barche da fiume risale nei tempi all'alto medioevo (lo sta a dimostrare la piroga fossile trovata nel Po pochi anni orsono), continua con i maestri d'ascia del primo novecento (I Chezzi, fra i più famosi) e con la cura degli argini del fiume, che perdura tutt'oggi.

Quello che forse non c'è più è l'utopia, il sogno del fiume grande via per far incontrare beni e uomini, più valido delle vie di asfalto e ferro. Ma restano i segni di quegli uomini che hanno creduto in quel utopia. E ci parlano.

Dalla presentazione di Silvano Bicocchi

"...Le immagini di Alessandro Marchi, con le mutevoli connotazioni, ci comunicano l'aura dei bei tempi, quando merci e persone operavano tra barche e rive, e ridà voce all'immaginario collettivo che vede il Po come ambiente naturale indomabile di cui l'uomo nei secoli ha cercato di incanalare la forza a suo vantaggio, senza mai dominarlo.

Le cose fotografate appartengono a quel passato, che raccontano. Al visitatore e nelle fotografie esse appaiono belle, come fiori rinsecchiti che perdendo la linfa vitale si sono tinte di colori pallidi. Al fotografo si offrono col fascino dell'oggetto trovato che racchiude un segreto.

E' mostrare le forme di questo segreto, uno dei possibili significati di questo complesso d'immagini."

MostraPo2 web